State cercando di capire se oltre alle cause “tradizionali” e più conosciute, anche lo stress può contribuire alla presenza di manifestazioni  acneiche sulla vostra pelle? Allora vi trovate nel posto che fa al caso vostro! Qui di seguito infatti troverete una spiegazione della correlazione esistente tra il manifestarsi dell’acne e lo stress di cui una persona può soffrire.

Si può realmente parlare di acne da stress?

Molto spesso, capita ancora di pensare che l’acne sia causata principalmente dalla scorretta alimentazione o da fattori ormonali, escludendo così la possibilità che lo stress possa essere la causa di alcune manifestazioni acneiche. In realtà molto spesso l’acne è causata dallo stress, o meglio, lo stress alimenta ed aggrava l’acne. Vi è certamente una stretta correlazione tra l’acne e lo stress, in quanto sappiamo bene che l’acne è una malattia della pelle, che provoca disagio in colui/colei che ne soffre. Molto spesso i brufoli diventano un vero e proprio incubo per coloro che ne soffrono, provocando nella persona disagio, stress e vergogna. Sono stati condotti addirittura degli studi sulla correlazione tra acne e stress, attestando che l’acne crea un vero e proprio squilibrio a livello psicologico.

La maggior parte di coloro che ne soffrono infatti se ne vergogna, molti altri invece vanno incontro a problemi di ansia e di stress molto sentiti, mentre altri ancora perdono in maniera notevole la loro autostima, talvolta chiudendosi in se stessi e limitando drasticamente i propri rapporti sociali. Si è verificato, principalmente nelle ragazze che soffrono di acne, che il semplice gesto di coprire il più possibile i brufoli sul viso con il trucco, le aiuta a sentirsi meglio, ad avere una maggiore autostima e a soffrire meno di stress. In questo modo l’acne di queste ragazze migliora notevolmente, affermando così ancora una volta che la componente psicologica (stress, ansia, vergogna ecc…), gioca il ruolo di antagonista nei confronti dell’acne. L’ansia e l’acne diventano in questo modo l’una la causa dell’altra, andando a creare un circolo vizioso da cui non sempre chi ne soffre riesce ad uscirne facilmente.

Come nasce l’acne da stress?

Parlando in termini medico-scientifici, i brufoli da stress si vengono a creare poiché le fibre nervose che giungono alla pelle, vengono stimolate a rilasciare una maggior quantità di mediatori chimici, che hanno funzione vasodilatatrice e proinfiammatoria. In questo modo i punti neri presenti sulla nostra pelle si infiammano, formando così i brufoli; mentre i brufoli preesistenti si infiammano ulteriormente.

Perciò quando una persona soffre di stress, l’ipotalamo rilascia una maggior quantità dell’ormone corticotropina e ormoni sessuali maschili, ad esempio l’androstenedione. Questi, a loro volta vengono trasformati dalla pelle e dal fegato in testosterone, che va a stimolare le ghiandole sebacee e la conseguente produzione eccessiva di sebo. Questo, nella sua secrezione, va ad alimentare il problema dell’acne in chi già ne soffre, oppure lo fa comparire in coloro che non ne hanno mai sofferto.

Di Maricla

Lascia un commento