La montagna offre scorci veramente incantevoli che solo con escursioni mirate possono essere scoperti. Ovviamente ci sono luoghi in cui basta una semplice passeggiata per trovarsi davanti a un bellissimo spettacolo della natura, ma se vi piace vivere esperienze uniche potreste anche osare qualcosa di più originale approfittando delle tante proposte online.

La guida

Che siate appassionati di trekking o mountain bike, potrebbe essere una buona idea chiedere il supporto di una guida che conosca il luogo in cui vi trovate. Ad oggi esistono il GPS e i cellulari, ma se siete in una zona poco battuta, potrebbero non esserci abbastanza ripetitori. Fare escursioni in sicurezza è l’unico modo per godersi una vacanza, magari anche con pacchetti dedicati che prevedano visite guidate.

Trekking e archeotrekking

Per trekking si intende, letteralmente, camminare piano. In montagna si percorrono a piedi sentieri altrimenti irraggiungibili, fermandosi spesso per ammirare una cascata, un corso d’acqua o una cima innevata. La variante del trekking è l’archeotrekking, che prevede percorsi atti a ricercare tracce di civiltà antiche e ormai scomparse, coniugando la passeggiata rigenerante all’archeologia, tra grotte, bassorilievi e luoghi d’interesse storico. Ma se la montagna tradizionale per voi non è sufficiente, potete sempre andare a fare trekking… su un vulcano! Ad esempio, potreste inerpicarvi sull’Etna, il famoso vulcano siciliano ancora attivo. Ovviamente dovrete munirvi di attrezzature adeguate ed essere in ottima forma fisica, ma lo spettacolo dei paesaggi lunari e delle nere rocce vulcaniche è impagabile. Volete mettere, poi, il brivido di trovarvi vicino a un cratere eruttivo? Se, invece, siete tipi più spirituali e all’adrenalina preferite percorsi più mistici, potete pensare a un’escursione che vi porti fino a un Eremo, come quello di Santa Maria Giacobbe, in Umbria. Questo tipo di percorsi può essere quasi equiparato ad una meditazione zen e prevede un cammino, breve o lungo che sia, caratterizzato dalla contemplazione della natura e di edifici antichi.

Bici ed altri mezzi

Camminare per i monti è bello e soddisfacente sotto tutti i punti di vista, ma anche usare dei mezzi di trasporto non è male. La bicicletta classica è perfetta nei sentieri, a patto che non siano troppo accidentati, altrimenti avrete bisogno di vere e proprie mountain bike con copertoni fuoristrada, cambio e tutta una serie di accessori adatti ad eventuali riparazioni. Se siete provetti ciclisti e le salite non vi spaventano, non dovete fare altro che salire in sella e partire per la vostra meta. Ma se c’è la neve? Nessuno vi impedisce di usare comunque il vostro mezzo a due ruote preferito, ma potreste provare anche l’emozione di una corsa in motoslitta. Avrete la possibilità di farvi accompagnare da una guida esperta che vi condurrà, fisicamente, attraverso l’intera escursione o potreste anche decidere di provare a guidare voi stessi, se ne siete capaci. Qualora siate da soli, però, evitate di avventurarvi di notte, specie in luoghi sconosciuti. Oltre a perdervi, c’è il rischio di incorrere in pericolose valanghe, eventualità possibile anche di giorno ma di certo più facilmente evitabile grazie alla maggiore visibilità. In montagna si possono anche percorrere dei sentieri con jeep o fuoristrada, ma dovrete prestare attenzione alle normative. Esiste una legge che regola l’uso di questi veicoli, al fine di preservare un territorio incontaminato: in tal senso, è sempre meglio partecipare ad escursioni organizzate da professionisti del settore che, certamente, saranno in possesso dei permessi necessari.

Qualunque sia la vostra idea di escursione in montagna, non dimenticate mai elementi fondamentali quali la sicurezza e il rispetto dei luoghi che state visitando. Può sembrare banale, ma evitate di abbandonare sui sentieri tracce del vostro passaggio e lasciate, invece, che sia l’esperienza unica di una camminata tra i monti a imprimere una traccia positiva dentro di voi.

Di Marco

Lascia un commento