Come trattare gli ematomi cutanei

Capita a tutti di cadere o di andare a sbattere contro una superficie rigida, innescando una serie di reazioni naturali a livello cutaneo. Oltre al dolore e al rigonfiamento la pelle può manifestare anche ematomi, ovvero i classici lividi di colore scuro tendenzialmente di sfumature dal violaceo ai toni più arrossati o anneriti a seconda dell’entità del trauma.

A provocare gli ematomi sono le contusioni accidentali e improvvise. In questi casi la pelle esterna non subisce una rottura, mentre i tessuti molli sottostanti presentano una lesione. Quest’ultima provoca generalmente la rottura dei vasi sanguigni e linfatici, suddividendosi in diversi gradi di lesione. Andiamo ad approfondire l’argomento all’interno dei paragrafi successivi.

Manifestazione della lesione cutanea

In seguito ad una caduta, o colpo accidentale, la rottura dei vasi sanguigni e dei vasi linfatici porta alla fuoriuscita di sangue dai tessuti sottostanti alla cute. A seconda della gravità del trauma si verificano ecchimosi o lividi, tipici delle contusioni lievi, sotto una colorazione bluastra dell’area colpita tendente al giallo ocra con il passare dei giorni.

In caso di trauma violento si parla invece di ematoma, responsabile della rottura dei vasi sanguigni più grandi con un accumulo di sangue superiore ai 2 cm nell’area interessata. In caso di necrosi cutanea invece la cute superficiale può manifestare anche l’insorgenza di una piaga.

In presenza di un grave ematoma esteso si rende necessaria una visita medica dettagliata mentre, per tutte le casistiche più lievi, si può andare ad intervenire senza il supporto di un esperto seguendo alcuni accorgimenti.

Come trattare gli ematomi

Il sangue coagulato all’interno dei tessuti molli della cute comporta la formazione di un livido, o ematoma, tendente alla colorazione bluastra-violacea a seconda della sua estensione. In seguito all’evento accidentale si consiglia di applicare sulla cute del ghiaccio, in grado di favorire la vasocostrizione dai vasi sanguigni lesi, limitando la perdita di sangue.

Nonostante il trauma si presenti leggero applicare del ghiaccio aiuta a prevenire gonfiori ed ematomi estesi a livello cutaneo. In alternativa al ghiaccio si possono utilizzare anche schiume cutanee acquistabili in commercio, in grado di favorire un abbassamento della temperatura nell’area traumatizzata.

Gli ematomi possono essere trattati anche con gel e pomate specifiche ad azione antinfiammatoria, oppure con lozioni naturali a base di ananas, ippocastano, artiglio del diavolo, arnica, boswelia. Le formulazioni naturali sopra citate, in forma di crema, possono essere acquistate in farmacia, parafarmacia ed erboristerie specializzate senza la necessità di una prescrizione medica.

Pubblicato
Etichettato come Benessere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.