La congiuntivite si caratterizza come un’infezione interessante il sottile strato di tessuto denominato congiuntiva, il quale a sua volta ricopre e interessa lo strato superficie interno delle palpebre e lo strato anteriore del bulbo oculare. La congiuntiva si attiva in difesa degli attacchi esterni ad azione dei microrganismi e oggetti estranei, lubrificando l’area oculare tramite l’azione delle ghiandole lacrimali.

Sintomi e cause della Congiuntivite

L’infiammazione provocata dalla congiuntivite si dimostra essere una delle malattie oculari più comuni sfociante in due differenti forme: acuta oppure cronica, interessando un solo occhio oppure entrambi. L’infiammazione può essere causata da microrganismi, parassiti, da infezioni virali, infezioni batteriche, reazioni allergiche, dal contatto con sostanze chimiche contenute all’interno dei saponi, dei cosmetici, etc.

I sintomi di una congiuntivite comprendono l’iperemia, ovvero l’arrossamento degli occhi, la sensazione di corpo estraneo all’interno di uno o entrambi gli occhi, l’aumento della secrezione lacrimale, una maggiore sensibilità alla luce, gonfiore a livello delle palpebre, secrezione purulenta, prurito e dolore. Le reazioni allergiche sono causate dal contatto con la sostanza o il polline specifico, dimostrandosi nella maggior parte dei casi un disturbo stagionale. Tra le cause della congiuntivite si trovano le infezioni, le reazioni allergiche, il contatto con sostanze chimiche irritanti. La congiuntive allergica si presenta a sua volta causata da fattori stagionali, ma anche da una congiuntivite allergica perenne persistente in tutto l’arco dell’anno, dermatocongiuntivite da contatto, congiuntivite gigantopapillare.

Diagnosi e terapie contro l’infiammazione

La congiuntivite viene diagnosticata dal proprio medico oculista sulla base della manifestazione dei sintomi e di una visita oculare, dimostrandosi necessario provvedere ad una corretta formulazione soprattutto nel caso di soggetti neonati più inclini allo sviluppo delle infezioni. L’anamnesi medica provvederà ad individuare anche eventuali lesioni ed eruzioni cutanee interessanti i margini delle palpebre. Nel caso di una congiuntivite di tipologia infettiva il medico provvederà all’analisi del tampone, al fine di verificare in laboratorio le cause specifiche dell’infezione.

La diagnosi differenziale, l’individualizzazione delle cause effettive, consente di elaborare una terapia corretta a seconda della tipologia di congiuntivite da trattare. Le terapie prevedono una corretta igiene oculare tramite un detergente delicato, l’assenza dell’utilizzo delle lenti a contatto, l’applicazione delle gocce oculari lubrificanti, il lavaggio delle mani. A livello farmacologico potranno essere prescritti antibiotici e specifici colliri, farmaci antivirali nel caso di infezioni causate da adenovirus e herpesvirus. In caso di congiuntivite allergica le terapie prevedono la prescrizione di antistaminici stabilizzatori dei mastociti, corticosteroidi, decongestionanti e antinfiammatori sotto indicazioni mediche.

Di

Lascia un commento