Dentizione in bambini e neonati: cos’è e come affrontarla

Spesso pensiamo che i più piccoli siano esonerati dalle difficoltà della vita, dimenticandoci che dal loro diverso punto di vista, i fastidi che a noi potrebbero sembrare banali, diventano delle vere e proprie “imprese”. Uno di questi fastidi può essere rappresentato dal periodo della dentizione. Quando cominciano a spuntare i primi dentini, il dolore e il disagio rischiano di diventare compagno costante dei più piccoli. E’ dunque necessario mettere in atto una serie di iniziative di prevenzione, al fine di ridurre al minimo i dolori provati dai bambini in questa fase della vita.

Sono molti i professionisti che pubblicano articoli ed approfondimenti su questa delicata tematica, fornendo indicazioni per affrontare al meglio, insieme al proprio bambino, questa complicata fase della loro vita. Oggi, per realizzare questo contenuto, abbiamo voluto prendere spunto dalle guide presenti su www.faropediatrico.com, in cui è possibile comprendere tutte le cause, i sintomi ed i rimedi per la dentizione nei bimbi. A partire dalle nozioni acquisite dalla lettura dei loro testi, cercheremo di indicare dei semplici rimedi, per attenuare il più possibile i disagi causati dalla dentizione nei bambini più piccoli.

I sintomi della dentizione

Quando i denti premono per erompere, superando il limite posto dalle gengive, i primi sintomi sono rappresentati da una sensazione di fastidio alle gengive stesse, che risultano gonfie e infiammate. La salivazione aumenta e i tessuti circostanti, soprattutto guance e collo, a volte possono risultare irritati e arrossati. Questo disagio comporta una conseguente irritabilità del bambino, che quasi sicuramente porta ad un sonno disturbato, oltre che a pianti più frequenti. Nella peggiore delle ipotesi possono comparire febbre e disturbi gastrointestinali. Non è facile per un genitore, o per chi si occupa di un bambino, distinguere il motivo di irritazione dello stesso. Ma si può essere certi che la causa sia la dentizione, nel momento stesso in cui il bambino inizia a mettere in bocca qualsiasi oggetto si trovi tra le mani. Questo accade perché attraverso il masticare oggetti più o meno duri, il piccolo trova sollievo da questa sensazione di forte fastidio.

Le possibili soluzioni farmaceutiche

In farmacia è possibile reperire prodotti specificamente studiati per alleviare questo fastidiosissimo disturbo. Si tratta di oggetti dalla forma accattivante per un bambino, che vanno conservati in frigo per un periodo e poi consegnati al piccolo affinché possa morderli e trovare sollievo. Inoltre, è possibile utilizzare delle creme apposite per massaggiare le gengive. I farmaci spesso contengono preparati di carattere erboristico, tra i quali spicca la camomilla, il timo, l’erba gatta, la calendula. Tutte erbe con rinomate proprietà calmanti e disinfiammanti. Inoltre, in caso di presenza di febbre, il medico prescriverà sicuramente un antipiretico – più frequentemente il paracetamolo, con l’unica eccezione per chi presenta una condizione ereditaria conosciuta come ittero di Gilbert, nel qual caso il paracetamolo risulta di più difficile eliminazione da parte del fegato-. Inoltre, in caso di diarrea, sarà consigliata la reintegrazione dei liquidi.

Le soluzioni casalinghe

Si consiglia in genere di affiancarle a quelle farmacologiche, laddove queste ultime risultino necessarie, ad esempio per alleviare il disturbo. Si potrebbe utilizzare una garza sterile imbevuta di acqua fredda e massaggiare così le gengive del bambino, o farla mordere. Può essere utilizzato anche il miele di fiori d’acacia, che risulta in questo caso particolarmente utile. O ancora, se non si vogliono utilizzare i farmaci prima indicati, si possono fare dei preparati fai da te sfruttando la forma dell’infuso da far raffreddare, trasformata in cubetti di ghiaccio. Sempre con le erbe di cui si parlava prima. Pratica, questa, nella quale però bisogna stare attenti perché ovviamente non si potrà lasciare il bambino da solo a gestire i cubetti. Questi verranno invece utilizzati per un adeguato massaggio alle gengive con l’uso di una garza per evitare fenomeni irritativi da ghiaccio.

I fastidi della dentizione, come altre problematiche legate alla salute, devono avere soltanto il tempo di fare il loro decorso e di passare. Però, con i rimedi consigliati, il disagio dei più piccoli risulterà, di sicuro, notevolmente ridotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.