Le origini della festa di Halloween: da quale cultura deriva e quali sono le tradizioni italiane?

La festa della Notte delle Lanterne, conosciuta come Halloween, che viene celebrata nella notte del 31 Ottobre è una ricorrenza che nel XX secolo, negli Stati Uniti, è diventata una festa famosa per le sue tinte macabre e spiccatamente commerciali.

Le caratteristiche della ricorrenza di Halloween sono sia le zucche intagliate, con un sorriso il più delle volte spaventoso, illuminate da una candela oppure da una lampadina riposte all’interno, sia la sfilata dei bambini che in costume da carnevale vanno di casa in casa recitando la formula di rito “Dolcetto o scherzetto?”.

Le origini della festa di Halloween

Le origini di questa ricorrenza sono molto antiche, presumibilmente le sue origini sono celtiche ed è tradizionalmente associata alla festa di Samhain, un nome derivante dall’irlandese antico che è mantenuto sia dai Gaeli sia dai Celti e che letteralmente si può tradurre, approssimativamente, come Fine dell’estate.

Il nome Halloween invece è una variamente del nome scozzese All Hallows’Eve e letteralmente si può tradurre come “Notte di tutti gli spiriti sacri”, ovvero la Vigilia di Ognissanti sia in Italia che nei paesi Anglosassoni.

L’origine del nome secondo Renato Cortesi deriverebbe dal racconto di Jack O’Lantern, un personaggio che venne condannato dal diavolo a vagare di notte per il mondo, con l’unica fonte di luce emanata da una candela posta all’interno di una zucca scavata, in inglese il termine scavare è Hollowing quindi il nome Halloween dovrebbe derivare proprio da questo.

Nell’antichità la festa di Samhain corrispondeva, secondo il calendario celtico in usato 2000 anni fa dai popoli dell’Inghilterra, dell’Irlanda e della Francia settentrionale, all’inizio dell’anno nuovo che coincideva appunto con il 31 di Ottobre.

Questa ricorrenza, secondo il folclore scozzese, gallese e irlandese, oltre ad un raduno festivo rappresentava anche l’unico giorno dell’anno durante il quale avvenivano incontri sovrannaturali, però non si trovano riscontri con l’associazione di Halloween con il tema della morte che sembra essersi affermato in un’epoca successiva.

Halloween in Italia

Nella tradizione italiana, contrariamente a quello che si pensa generalmente, la festa di Halloween non è completamente estranea, infatti si possono trovare sono moltissime usanze, collocate nella notte tra il 1 e il 2 Novembre, molto affini alla ricorrenza anglosassone.

La nostra tradizione vuole che in tempi più antichi che i primi Cristiani, per commemorare la memoria dei defunti, andassero in giro per i villaggi chiedendo un dolce conosciuto come Pane d’anima, più il donatore ne distribuiva e maggiori erano le preghiere che venivano elargite in onore dei suoi defunti.

Ancora oggi molti Comuni italiani, nella notte tra il 1 e il 2 di Novembre, hanno mantenuto degli usi e costumi molto simili a quelle dei primi cristiani, inoltre in molte città e regioni d’Italia si possono trovare delle celebrazioni a tema come nelle città di Pescate in Lombardia, Serra San Bruno in Calabria, Orsana di Puglia ,San Nicandrico Garganico, Lesina e Massafra in Puglia, oltre che in altre diverse regioni italiane come il Veneto e il Friuli Venezia-Giulia, la Sardegna, l’Emilia-Romagna e l’Abruzzo.

Pubblicato
Etichettato come Curiosità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.