Le regole del Monopoli

Il Monopoli è uno dei più noti giochi da tavola, ideato nella prima metà del Novecento, da Elizabeth Magie (anche se le sue origini sono controverso). In Italia è arrivato nel 1935, e da allora ne sono state create diverse versioni, come quelli della Disney, di Star Wars, Ferrari o di Jurassic World.

Le differenze tra l’edizione originale e quella italiana

Del Monopoli ne sono uscite diverse versione, e se si osserva la plancia originaria, a differenza di quella italiana, le diversità non si limitano solo alla moneta.

Sicuramente, colpiscono le differenze all’occhio dei nomi delle strade. Ad esempio, al posto dell’originale New York Avenue, che poteva far guadagnare duecento dollari, nella versione italiana si può trovare al suo posto Piazza Dante, con cui si può guadagnare 500 euro (20,000 lire nella vecchia edizione).

Le altre differenze, come “imprevisti”, o “probabilità”, sono per lo più linguistiche, ed il numero delle caselle è lo stesso. Si può dire altrettanto delle regole.

Le regole del Monopoli

Si deve partire prima di tutto dallo scopo del gioco, ovvero guadagnare più denaro possibile, tramite i vari lotti presente delle caselle. Il numero dei giocatori può variare da due a sei, e per vincere bisogna superare tutte e quaranta le caselle, guadagnando più soldi possibili.

Oltre alla plancia, il gioco comprende due dadi, sei segnalini diversi (uno per ogni giocatore, ed in alcuni monopoli se ne possono trovare otto), ventotto carte dei contratti, un mazzo di sedici carte per le probabilità ed uno, sempre da sedici carte, per gli imprevisti, trentadue case in miniatura verdi, dodici alberghi di colore rosso e banconote di vario taglio.

Prima di iniziare il gioco, si deve decidere quale dei giocatori svolgerà il ruolo del banchiere, che dovrà tenere le banconote separate e distribuirle, quando richieste. Inoltre, dovrà distribuire il denaro ed i contratti iniziali, a seconda del numero dei giocatori. Ad esempio, se si gioca in sei, ogni giocatore riceverà 3,750 euro e tre contratti a testa (le altre cifre si possono trovare sul regolamento del gioco).

Si parte dalla casella VIA!, ed ogni giocatore si muoverà di casella in base alla somma dei numeri usciti dai dadi. Ed a seconda della casella in cui si finisce, si potrà dare del denaro per gli affitti o riceverlo. Si diventa proprietari di un terreno se è libero, in caso contrario si paga una tassa al “proprietario”.

Le carte andranno utilizzate se si finisce nelle caselle degli imprevisti o delle probabilità. Ogni volta che un giocatore si ferma, riceve 500 euro dalla banca. Le aste sulle proprietà liberano partono dai 5 euro in poi. Se si arriva nella casella “Tassa” bisogna pagare la cifra indicata alla banca.

Se la Banca rimane senza case o alberghi, bisogna aspettare che questi vengano venduti o messi all’asta, ed i terreni possono essere venduti liberamente dai giocatori.

Certo, alcune regole possono cambiare a seconda del tipo di Monopoli, ed alla fine vince l’ultimo giocatore rimasto, ed in alcuni casi si può stabilire la durata di una partita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.