Il 2019 continua a essere un anno di fortissima ripresa per quello che riguarda il mercato immobiliare in generale ed esistono delle tipologie abitative che stanno letteralmente facendo da traino a questo momento positivo. È inoltre particolarmente interessante notare che ad essere in così forte crescita sia un particolare tipo di immobile che in precedenza non andava così forte, mentre adesso, soprattutto in determinate città, è diventato molto più accessibile grazie all’abbassamento dei prezzi.

Ovviamente vanno sempre fatti gli adeguati distinguo tra una città e l’altra, ma in generale ad oggi il trilocale si presenta come la tipologia più richiesta in oltre il 40% dei casi in diverse città: una percentuale davvero impressionante che, tra l’altro, non sembra accennare a diminuire. Un dato che si accentua soprattutto nelle grandi città: i trilocali a Milano (ma anche a Roma, a Firenze, a Bologna ed a Torino) la fanno letteralmente da padroni e mai come oggi tutti coloro che hanno sempre sognato un’abitazione di questo tipo dovrebbero prenderne seriamente in considerazione l’acquisto (ovviamente in base a disponibilità economiche, possibilità logistiche ecc.).

Che cosa intendiamo per trilocale?

Iniziamo col chiarire cosa si intenda in effetti per “trilocale” visto che ad oggi tantissime persone continuano a fare confusione, probabilmente a causa della differenza che esiste tra locali e servizi, oppure a causa della presenza della “cucina abitabile”. Ebbene, stando a quanto stabilito dalla legge italiana, soltanto camere da letto e/o soggiorni possono venire considerati “locali” di un’abitazione; al contrario luoghi quali la cucina o il bagno vanno intesi come “servizi”. Il discorso resta bene o male il medesimo anche se si utilizza la dicitura “vani”: camere, soggiorno e salone sono gli unici luoghi che possono venire considerati “vani catastali”, che vanno obbligatoriamente inclusi nel conteggio; al contrario, cucine, bagni, ripostigli, ingressi e corridoi vanno considerati vani accessori. In conclusione, quando si parla di trilocale si fa in effetti riferimento a un appartamento che sia comprensivo di tre locali, a prescindere dalla quantità di servizi a disposizione.

Perchè acquistare un trilocale?

Diversi esperti del settore immobiliare concordano nel considerare il trilocale come una tipologia abitativa semplicemente perfetta, soprattutto per la clientela più giovane: è infatti dimostrato che i principali acquirenti di trilocali sono single, giovani coppie o, più in generale, nuclei familiari che non prevedano più di un figlio. A ciò si aggiunga che un trilocale è considerato quasi all’unanimità un investimento piuttosto sicuro, tanto sul breve quanto sul lungo periodo: dunque una casa in cui vivere, ma anche una casa da affittare o da rivendere nel momento in cui si renda necessario un trasferimento, o nel momento in cui si senta l’esigenza di spazi superiori.

Alcuni esempi di trilocale a Milano

Osservando alcune offerte disponibili legate ai trilocali a Milano, ci si rende immediatamente conto di quanto il periodo sia favorevole dal punto di vista economico. Ad esempio, un trilocale di 75 metri quadri circa in zona Affori, Bovisa, nelle vicinanze della metropolitana Affori Centro, può essere acquistato al prezzo di 2.120 euro al metro quadro circa, mentre un trilocale da 90 metri quadri circa in zona San Siro, Trenno, a poche decine di metri dal centro commerciale Bonola, può essere acquistato al prezzo di 2.088 euro al metro quadro circa. E ancora, un trilocale da 87 metri quadri circa in zona Precotto, Turro, in stabile civile con servizio di portineria, può essere acquistato al prezzo di 3.090 euro al metro quadro circa, mentre un trilocale da 74 metri quadri circa in zona Bicocca Niguarda, in prossimità del Parco Nord e del capolinea del tram numero 4, può essere acquistato al prezzo di 3.445 euro al metro quadro circa.

Di Marco

Lascia un commento