carte

Conosciuto anche con il nome di “Teresina”, questo tipo di poker nasce negli Stati Uniti, precisamente nel Tennessee. Andiamo a scoprire le regole di questo interessante gioco.

Come si chiama il poker a carte scoperte

Come accennato, questa tipologia di poker è conosciuta anche con il nome di “Teresina” oppure “Telesina”, che altro non è che un’italianizzazione del nome dello Stato che gli ha dato le origini, ovvero il Tennessee. Tale nome, però, nasce anche per via della zona vicino a Benevento che si chiama Valle Telesina, nella quale viene giocato un intermezzo del poker.

Le regole del poker a carte scoperte

Questa tipologia di poker viene definita stud poker, ovvero in cui una o più carte sono, appunto, scoperte. La Teresina è una variante del 5 stud poker nella quale viene usato lo stripped desk. Per giocare alla Teresina è necessario avere delle carte francesi. La carta più bassa corrisponde a 11 meno il numero dei giocatori partecipanti. Il mazziere distribuisce 2 carte a ciascun giocatore. La prima di queste carte resta coperta mentre la seconda è scoperta. Colui che ha la carta con il valore più alto può puntare ma, nel caso in cui egli non voglia farlo, può “bussare”, termine con cui s’intende il passaggio al turno al giocatore posizionato alla sua sinistra. Il giocatore sulla sinistra può scegliere se passare, vedere o rilanciare, come avviene nel tradizionale gioco del poker. Una volta terminata la fase di puntate, il mazziere passa alla distribuzione di un’altra carta scoperta e colui che possiede il punteggio migliore può parlare. Il gioco prosegue fino al momento in cui restano i giocatori che hanno 4 carte scoperte posizionate sul tavolo e un’altra carta, anch’essa scoperta, in mano. Nel caso in cui rimanga un solo giocatore, egli si aggiudica il piatto senza dover necessariamente mostrare agli altri la carta che tiene in mano così da non poter capire se il giocatore che ha vinto utilizza il bluff o meno. Se nel tradizionale gioco del poker il rilancio è per forza immediato, nel caso della Teresina non è necessariamente così. Nel caso in cui, invece, restino più giocatori al termine della partita tutti devono mostrare le loro carte e il vincitore è colui che detiene la combinazione migliore e che quindi ha il punteggio più alto.

La Teresina è una variante del poker tradizionale che non viene giocata spesso nei casinò o nelle altre Associazioni riconosciute di giocatori di poker. Questo è perché tale variante del gioco è spesso considerata “rustica” e non è ufficialmente riconosciuta. Inoltre, la tendenza è quella di promuovere il poker sportivo, che ha delle regole ben precise, riconosciute a livello internazionale.

Di Maricla