Quali sono i costi dell’esame del sangue all’ospedale e da privati?

Le analisi del sangue permettono ai medici di diagnosticare una determinata patologia o disordini che potrebbero svilupparsi come tali. Di solito, questi esami sono accompagnati da quelli delle urine e/o delle feci.

In che cosa consiste l’esame e a cosa serve

Per eseguire questi esami, occorre prelevare dal paziente un piccolo campione di sangue venoso, dalle arterie del braccio. L’esame del sangue di base, ovvero l’emocromo, comprende il controllo dell’RBC, i Reticolociti, l’HT, l’HGB, l’MCH, etc.

Attraverso il numero dei valori dell’emocromo, si possono individuare degli eventuali problemi dell’organismo. Ad esempio, attraverso la transaminasi, è un test in grado di rivelare la presenza dei suddetti enzimi, nel sangue, e il loro squilibrio può essere indice di problemi epatici.

A seconda del tipo di esame, il medico deve tenere conto anche di altri fattori riguardanti il paziente, come la dieta, l’esercizio fisico, l’assunzione di farmaci ed alcune abitudini (come fumare).

E’ un’esame semplice, che non comporta delle controindicazioni particolari (tranne la paura dell’ago), e per interpretare i risultati occorre rivolgersi al medico.

Costi dell’esame all’ospedale e da privati

I costi dell’esame del sangue non variano solo a seconda della struttura in cui si effettuano, ma anche dalla Regione, dal tipo di esame e dalle esenzioni. Si deve tenere conto che non ci sono dei veri e propri prezzi standard, delle analisi del sangue.

Di norma, le impegnative degli ospedali prevedono che la somma degli esami prescritti, nel 95 % dei casi, non superi i cinquanta euro. Al massimo, un paziente non dovrebbe pagare un ticket che superi i 66 euro.

Il Servizio Sanitario Nazionale può effettuare analisi di ogni tipo, con il pagamento del ticket. Alcuni pazienti, tuttavia, possono essere soggetti alle esenzioni (di cui si è già accennato), a seconda del tipo di patologia (come la tiroide), il reddito o l’età.

Cliniche e laboratori privati, invece, possono operare attraverso delle convenzione con delle assicurazioni, banche, casse di solidarietà, mutue o categorie di professionisti, che possono far abbassare i prezzi significativamente (o renderli del tutto gratuiti). I laboratori, tuttavia, operano liberamente, a livello di mercato.

A questo punto la vera domanda è: conviene di più effettuare delle analisi in ospedale o in una clinica privata? In linea generale, è più economico e comodo rivolgersi ad una ASL o un ospedale, ma alcuni potrebbero trovare necessario o conveniente rivolgersi alla clinica, soprattutto se si richiede un esame del sangue specifico che normalmente non viene effettuato nelle strutture pubbliche. Naturalmente, anche la tempistica può incidere sulla scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.